Accesso Utenti

Cenni storici

L'Istituto Tecnico Industriale "Eugenio Barsanti" è nato all’inizio dell’a.s. 1959/60 con l'istituzione di due prime classi come sezione staccata dell' ITIS "Leonardo da Vinci" di Napoli. La prima sede era situata in Vai Carducci, in coabitazione con l’Istituto Magistrale (oggi Istituto “Matilde Serao”),  occupando le aule del piano terra. 

La creazione di questa sede, staccata derivava dalla necessità di offrire al territorio del maggior polo industriale del Mezzogiorno, un'istituzione scolastica che preparasse i tecnici per la rinata industria del dopoguerra in previsione di quello sviluppo che avrebbe portato al boom economico degli anni '60.

L'Istituto divenne autonomo nell'a.s 1962/63 e i primi esami di maturità per periti meccanici furono brillantemente sostenuti dagli allievi dell'unica quinta nell'estate 1964.

Con l'a.s, 1964/65 al corso diurno venne affiancato il corso serale per consentire ai lavoratori delle aziende metalmeccaniche AERFER  e ALFA  ROMEO, solo per citare le più importanti, di elevare le proprie conoscenze e competenze.

Nell'a.s, 1966/67, all'indirizzo meccanico venne affiancato l'indirizzo elettrotecnico.

Con l'a.s. 1978/79, l'Amministrazione Provinciale portò a compimento la realizzazione dell'attuale sede in Via M. Leone che rappresenta, ancora oggi, una delle strutture architettoniche più valide realizzate nel corso degli anni sul territorio campano e nazionale.

Nell'a.s. 1986/87, fu istituita la sezione elettronica per rispondere alle mutate esigenze dell'industria e per offrire ai giovani una scelta più ampia nel sempre più competitivo e difficile mondo del lavoro.

Con l'a.s, 1994/95 sono stati istituiti corsi Post-Diploma aperti ai giovani diplomati degli Istituti Tecnici e Professionali, finalizzati ad una maggiore qualificazione della preparazione professionale.

L’innovazione tecnologica non poteva essere non accolta dall’ITIS, e così nell’a.s. 2003/2004 veniva istituito l’indirizzo informatico.

Nel corso degli anni l'Istituto ha rappresentato, per la modernità e l'attualità dei laboratori, per la professionalità della classe docente, per il costante riferimento all’evoluzione tecnologica e alle esigenze sociali del territorio un riferimento certo per la preparazione dei giovani al mondo del lavoro e per la loro formazione umana e culturale.

Le nuove opportunità offerte al Sistema-Scuola italiano, negli anni 1999/2000, dall'introduzione dell'Autonomia (D.P.R. 275/99) in ogni parte della sua attività culturale, educativa e formativa, sono state colte dall'I.T.I.S. "E. BARSANTI" come possibilità di incremento delle proprie potenzialità interne, di allargamento della funzione di erogazione di servizi, nell’ottica dei rinnovati rapporti scuola-impresa che  hanno aperto ampliato orizzonti e modi di interpretare la gestione scolastica.

 I processi produttivi, improntati alla teoria della flessibilità  e  la  necessità  delle industrie di istituire quadri intermedi, capaci di ridurre i tempi nel passaggio dalla fase progettuale a quella produttiva hanno dato l’abbrivio  all’ITIS Eugenio Barsanti a realizzare partenariati con Università, imprese, enti di formazione ed Enti locali  per l’istituzione di Corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) onde fornire qualificata formazione unitamente a percorsi di stage in azienda improntando la gestione scolastica al concetto di scuola-impresa,  in particolare come impresa di servizi avanzati a tutte le economie esterne e quindi all’intero sistema economico-produttivo nazionale, con la programmazione di nuovi curriculi per nuove figure professionali.

L'istituto è oggi impegnato ad orientare l'Offerta Formativa, verso obiettivi che assumono le varie forme di domanda da parte del territorio in materia del sapere, del saper essere e del saper fare. Tale irreversibile direzione di marcia sta determinando una specifica "interpretazione" della formazione professionale, rendendola coerente con la flessibilità del lavoro, con i piani per l'occupazione dei giovani, con i settori economici emergenti.

In riferimento ai rapporti con l’esterno, l’Istituto si propone quale polo culturale e tecnico di riferimento per le sue strutture e le sue proposte educative  e didattiche, funzionali al coinvolgimento di tutta la persona onde prevenire il disagio giovanile e favorire la massima inclusione.

Il piano di riqualificazione degli spazi esterni e la ristrutturazione del settore dei laboratori costituisce sprono per l’elaborazione di nuove relazioni territoriali e imprenditoriali e per la costruzione di nuovi scenari di formazione orientati alla creatività progettuale nell’ottica della progettazione tecnologica ecosostenibile e della città metropolitana intelligente.

Il Dirigente Scolastico

Prof. Mario Rosario Ponsiglione